In attività in corso, Home, Press, Rassegna stampa
Dal completamento e aggiornamento della catalogazione dei beni conservati in tutta Italia, al censimento e alla schedatura dell’immenso patrimonio librario delle Comunità, dalla creazione del nuovo portale, in italiano e in inglese, dedicato ai luoghi ebraici, allo sviluppo di importanti progetti nel Meridione, con particolare riferimento alle catacombe di Venosa, alla promozione di attività di ricerca e di studio.
Un anno di intenso lavoro alle spalle per la Fondazione Beni Culturali Ebraici in Italia, il cui Consiglio si è oggi riunito a Roma per approvare il bilancio del 2018 (il via libera è arrivato con voto unanime) e per condividere le sfide di un altro anno di impegni.
“Il 2018 ha visto un significativo consolidamento del lavoro avviato negli anni precedenti. In questo solco siamo pronti a lasciare un segno anche nel 2019” conferma il presidente della Fondazione Dario Disegni.
Cultura ebraica protagonista su più fronti. Come nel caso della catalogazione dei volumi antichi possibile grazie a un finanziamento della Rothschild Foundation ottenuto dall’UCEI. O ancora come l’apertura di www.visitjewishitaly.it, un nuovo portale che è frutto di una trasformazione del sito “Luoghi Imperdibili”, online a partire dal 2015. Il nuovo sito, arricchito di fotografie e immagini – è stato spiegato – “ha cambiato completamente il proprio aspetto, anche dal punto di vista tecnologico, presentando ora il patrimonio culturale ebraico in Italia in modalità georeferenziata e multimediale”. Un veicolo per rafforzare uno degli obiettivi prioritari individuati da Disegni: un incremento del turismo ebraico internazionale, per effetto di una maggiore e più tangibile riconoscibilità in questo senso.
Diversi gli interventi locali di cui il presidente ha oggi parlato nella sua relazione: dai lavori di restauro effettuati alla sinagoga di Firenze alla valorizzazione delle antiche catacombe di Venosa ancora in corso. Senza dimenticare i numerosi incontri e convegni organizzati durante l’anno.
“Dodici mesi di lavoro ad alto livello” sottolinea Disegni. E il 2019 si annuncia almeno altrettanto stimolante, con alle porte l’inaugurazione in aprile di una mostra sul contribuito ebraico al Rinascimento al Meis di Ferrara e una esposizione sul patrimonio tessile ebraico che vedrà la luce in giugno agli Uffizi con la collaborazione della Fondazione al fianco del Museo ebraico di Roma.

(5 marzo 2019)

Recent Posts

Start typing and press Enter to search